Il pepe del conflitto

Come al solito s’accumulano eventi grandi e piccoli. Quello che ultimamente mi accade è di prestare attenzione alla capacità comunicativa di chi crea, fornisce o veicola informazioni. Ad esempio, mi hanno colpito le parole sinistramente xenofobe di grillo, lo scaricabarile sull’alluvione a Genova, i cortei e gli scioperi contro le misure del terzo governo non eletto d’Italia “in a row” (cit). Il dissenso è diventata una pratica ormai quotidiana in un paese dove si fanno retate che sembrano organizzate dalla vecchia guardia della Lega.
Io ero alla manifestazione di sabato a Bologna. E devo dire che ho provato sentimenti contrastanti. Da un lato ho avuto paura di rimanere ferito dalla carica della polizia o da un petardo, per cui quando è iniziato il casino ho istantaneamente aderito alla “Premiata Brigata Conigli” (per chi non sa di cosa si tratti, lo spiegherò meglio a tempo debito), mentre il presidio di “sforza nuova” è continuato più o meno indisturbato e i soliti cerebrolesi leghisti hanno avuto modo di lanciare i loro anatemi contro i centri sociali.  Continua a leggere

Annunci

Non puoi scrivere “sentinella” senza “sentina” e le cipolle che non hanno paura dei gay

Per chi non avesse capito il titolo, la “sentina” è quella parte delle navi dove si raccolgono acque di vario tipo: una sorta di fogna. Il termine “sentinella” ha spesso lo stesso significato anche per gli umani: la raccolta degli elementi peggiori, gli scarti che nessuno vuole toccare (vedi alla voce “sbirri”).  Continua a leggere