Capodanno, Ricky Memphis e pasta al forno

Ne “L’Ultimo Capodanno”, capolavoro di Risi con un cast della madonna, tra cui Ricky Memphis, un condominio intero veniva passato al setaccio nell’ultimo giorno dell’anno. Nevrotici dalla famiglia di plastica, feticisti maniaci dalla doppia vita, “onesti” ladri professionisti, ultras malavitosi, lavoratori del settore erotico, aspiranti suicidi e semplici ragazzi senza piani per la serata costituiscono il campionario umano che rappresenta la nostra società “condannata” dai suoi vizi [**SPOLIER ALERT**] Continua a leggere

Del finto compleanno di Gegiù, di fughe all’estero e di crostate ubriache

E ci siamo!

I motivi per cui questo periodo dell’anno fa schifo sono tanti e non starò qua ad elencarveli come un vecchio anarchico brontolone. Ci basti sapere che Gegiù non è nato il 25 dicembre, che il ciccione ammazza sindacalisti in tuta rossa appartiene alla cocacola e che non esiste nessun traguardo spaziale sospeso nella nostra orbita planetaria con scritto “buon anno nuovo” con arrivo previsto il 31 dicembre. Per non parlare di quella vacca della befana. Continua a leggere

Simboli solari, nazisti dell’Illinois e pasta veggie

Io spero che in un futuro prossimo si arrivi a questo.

La verità è che come artisti, e non solo, i fasci hanno sempre fatto cagare. Ditemi un buon gruppo musicale orientato a destra. E per l’amor di Buddha, no! gli Slayer non sono nazi, grezie! In proporzione, gli artisti di destra sono una caccola nell’universo dominato da eccentrici rivoluzionari. E quindi gli addetti al marketing di destra copiano, e lo fanno pure male. Svastica, rune, ruote solari, simboli cosmici, insegne di epoche remote… Continua a leggere

Sardokan ed il nonformaggio

Essere sardo e vegano mi ha procurato una certa fama di bestia rara. Effettivamente il giovane sardo random nutre un sentimento di grande predilezione per i prodotti animali della sua terra: chiamiamolo orgoglio patriottico, attaccamento per le tradizioni, campanilismo cieco, in ogni caso essere sardo significa nascere con delle idee ben inculcate, tra cui “pane e casu, preda e carchina” ovvero “il pane ed il formaggio [costruiscono l’uomo] come pietra e calce”. Continua a leggere