VIVA CLOWN ARMY BOLOGNA e la noncarbonara

clown_army_erschreckt_polizistenClown Army è un collettivo internazionale antimilitarista non violento che usa l’arte come forma di dissenso e la frivolezza tattica come mezzo per disarmare l’autorità deridendola.  Parlare di antimilitarismo in questo momento storico può essere particolarmente complicato, soprattutto dopo i fatti di Parigi e le esercitazioni congiunte della Nato in Sardegna. Ma è forse proprio il momento migliore per dichiarare il proprio disprezzo verso le armi, i loro venditori e chi le vuole impiegare. 
Così, oggi, è nata Clown Army Bologna. Ed è stata subito festa al nuovo comizio di Salveenee, quello di “mai con berlusconi” qualche mese fa e ora fa l’alleanza con B., quello di “Se non ti piace pane e salame non venire in Italia”, quello che prima insultava ogni persona nata a sud del Po e ora raschia voti in ogni provincia del Sud (sic!) ma soprattutto il nuovo aspirante leader che vuole re-introdurre la leva militare, liberalizzare il commercio delle armi e ostacolare chi scappa dalla guerra creata dall’occidente. Insomma, nammerdapuzzolente. Il suo elettore medio ha paura degli immigrati che rubano il lavoro agli italiani: che razza di idioti bisogna essere per farsi fregare un lavoro in nero sottopagato da uno straniero arrivato su un gommone e che non parla la nostra lingua?
Gli AmiciConAltriBenefici presenti al presidio di questo pomeriggio, quelli armati e con il casco, a quanto pare non hanno senso dell’umorismo e hanno caricato manganellando.
Perché? Perché tale è l’abitudine del bullo. Quando non ha i mezzi per rispondere con intelligenza, usa la forza rivelando anzitutto la sua vera natura: un represso, un vigliacco, uno stolto.
Rideremo comunque di voi. È una promessa.
E tornando sui fatti di Parigi.
Rideremo anche di chi, per vivere, ha bisogno di un amico invisibile che punisca i cattivi ma solo dopo che questi saranno morti e che lo costringa a fare il bene per paura di esser castigato. Ancora una volta, se il tuo dio ha bisogno di armi per farsi sentire non è poi così figo.
Sapete invece cos’è una figata?
La carbonara. 
“Ma senza uova e pancetta come la fai, coglione d’un vegano?” Puppami la fava, rompicoglioni di turno: la mia pasta ha il doppio delle proteine e zero colesterolo, ed è pure buona!
Ingredienti per 2 persone: 150 gr di spaghetti, 50 gr di insaccato vegan tipo pancetta (io l’ho acquistato da VeggieMarket a Bologna)1 cucchiaino di curcuma, il succo di 1/2 limone, 1/2 tazza di farina di ceci, sale qb, olio EVO qb, 1/2 tazza di latte di riso o di soia, pepe qb.
Mettete due cucchiai di olio evo, il succo di limone, la farina di ceci, la curcuma e il latte di soia a scaldare a bagnomaria per circa dieci minuti.
Fate bollire in abbondante acqua salata gli spaghetti. Tagliate a pezzetti l’insaccato vegetale e mettete in una padella unta a cuocere per circa cinque minuti. A questo punto aggiungete il composto di farina di ceci e panna di soia, mescolando per bene. Aggiungete un po’ di schiuma bianca della bollitura degli spaghetti (l’amido) al condimento. Scolate gli spaghetti e versate nella padella facendo rigirare con attenzione. Impiattate e pepate a piacere.
Il risultato? Giudicate voi. Io la sto mangiando un giorno sì e uno no.
vera falsa carbonara

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...