HO UCCISO B. (per sbaglio) – Nuovo racconto, prossimamente la ricetta

Ho ucciso B. (per sbaglio)

di Salvatore Pireddu

‘Nsomma, ve stavo a racconta’ del viaggio mio in Sardegna. Stavamo in un posto che pareva tipo i Caraibi del Madagascar, ‘n sacco de lusso, de gente che conta. Ao’, dopo anni a lavora’ nell’agenzia di riscossione crediti “Pietro, i crediti che tornano indietro” pure er titolare (che sarei io) ha bisogno de svago.
Stamo tranquilli a vede’ la camera matrimoniale co’ minifrigo e vasca da bagno che c’avevano dato in st’albergo de lusso, avevamo giusto poggiato li bagagli, che la pischella mia, Doriana, se sfila tutto per mettersi er costume. Ao’, Doriana l’avete vista, stava pure a lavora’ nelle televendite quand’aveva diciott’anni, ma è ancora un fiore, tale e quale a quando la vedevo sul televisore dieci anni fa. E a me, me conoscete. Se svegli er Leopardo, er Leopardo t’o fa l’agguato. Doriana se mette a ride, che quando me vede così je piace de gioca’ ar gatto cor topo, sguiscia, se gira, pija un telo e scappa.
-A Pie’- e ride-fa il bono che mo’ voglio andare in piscina, c’avemo due settimane per pensare a noi.
-Ma che piscina, a Doria’, tutto er giorno che viaggiamo, famme contento!
Lei fa quer soriso suo un po’ cattivo de quando sa’ d’avercela vinta, e io a sta donna nun je posso più dì niente: m’ha stregato.
-Ora no…però puoi mettermi la crema…- me sussurrava all’orecchio, capito come?
L’abbraccio da dietro, lei se mette a muoversi, a corere, finiamo oltre le tende in balcone a gioca’ come li regazzini. Che a quarant’anni è così che me fa’ sentire Doriana.
Lei è già mezza nuda, con le zinne de fora, che ride, poi se fa tutta stupita e me indica in basso. -Guarda!
Io guardo. E sarà che sto arrapato, sarà che er Leopardo c’ha ‘na visione selettiva, vedo subito due bionde che stanno a gioca’ a bordo piscina che paiono proprio quelle de quer programma de satira in prima serata. Che Sardegna vor di’ fregna, lo sapemo tutti.
Ma Doriana insiste. -Lì!
Aguzzo lo sguardo. Poi capisco.
-Ma non era morto?
-Ma che stai a di’?
-Umberto Smaila! Non era morto?
Doriana ride. Quant’è bella Doriana mia quando ride.
-Ma non lo vedi che con lui c’è B…
Doriana non finisce la frase che un rumore la spaventa e subito se rimette quel telo trasparente a coprì le grazie, che è una signora fine, mica ‘na mignotta. Capisco che ce sta’ uno che armeggia con la serratura. Da dietro le tende nun se capisce.
-Sarà er cameriere. Ao’, a coso, ma che sei nato ar Colosseo? Non si usa bussare più?
Ma non è il cameriere. So’ sti du’ brutti fricchettoni con gli strumenti musicali messi in quei valigioni neri che je vedi sempre in spalla, co’ sti vestiti da turista tedesco che fa trekking, nun so se me spiego. Uno c’ha i capelli a spazzola, l’altro è pelato. Tutt’e due hanno ‘ste facce brutte che per un attimo me fanno veni’ un presententimento. Poi Doriana entra e interpretando er pensiero mio me sussurra: -Ammazza quanto so’ grossi sti chitarristi.
-Mbe’? Che s’entra così in camera de la gente? Nun lo vedete che avete sbagliato stanza? Fori!- che er Leopardo è ‘na bestia territoriale, se sa.
I due se guardano, ‘sti fricchettoni dopati, e dicono una cosa tipo in una lingua dell’est. “So’ pure rumeni!” penso. Stanno indicando il balcone, pare chiaro che anche loro siano interessati alla piscina.
E insomma, non so quanto guadagnino questi che fanno li spettacoli negli alberghi, uno de questi, quello coi capelli a spazzola, pija un mazzetto de banconote, abbozza un sorriso e tira fuori un centone.
-Andate pure bar, offriamo noi.
-Non ho capito, che hai detto?
Ao’, le zecche che me ricordavo io era d’un’altro tipo, si vede che i fricchettoni rumeni so’ più combattivi perché questo me guarda proprio male e scandisce le parole come stesse a parla’ a uno rincojonito.
-Tu vai, noi lasciamo stanza presto- e fa per allungarmi la banconota nel taschino della camicia.
-A fricchetto’, come un marchettaro ce tratterai quer frocio del tuo amico, mo’ m’hai rotto er cazzo.
Che sarò pure er rispettabile titolare de un’azienda, ma so’ nato in borgata, io. Er rispetto nun me deve manca’. Lo spingo, ma pare de spigne un muro. Quello mette via i soldi. Dice qualcosa al suo socio che pija le custodie e si lancia nella camera a fianco. Doriana ha capito che sta per succedere e me fa -Pie’ nun fa er matto, lascia perde che questi mo’ se ne vanno.
Ma er Leopardo è già partito.
-Mo’ te faccio du’ occhi neri così neri che se te mastichi er bambù er WWF te protegge.
Je mollo un gancio su quel brutto grugno. Pare de pietra. Io lo guardo. Lui me guarda. Ao’ ve giuro che mai m’era successo de fa pippa con il gancio destro. Je mollo un calcio sui cojoni, che so’ sicuro de fa’ danni, dovete vedere che bombe je tiro ai rigori a calcetto. Ma sbaglio mira, o forse è lui che in qualche modo s’è levato dalla traiettoria.
Inciampo.
Cado sul letto.
Er fricchettone me s’avvicina con fare losco.
St’infame me se butta sopra.
Pijo la bottiglia de Ferrarelle che sta sul comodino e gliela sbatto in testa. Finalmente ‘sto pezzo de merda accusa er colpo, lo afferro per i vestiti e lo butto davanti alla porta. Che a me m’hanno sempre sottovalutato, ‘o so. Però a calcetto nessuno me vo’ sta’ contro. Lo sanno tutti che ar Leopardo nun je devi rompe er cazzo. Specialmente in vacanze, ‘tacci loro. Lo riempio di cazzotti e je dico “A merda! Mo’ te ne puoi anna’ affanculo, e nun torna’ che te do er resto! A merda! A merdissima!”
Lo sbatto fori, e me giro. Doriana intanto ha pijato la crema e ha preso a spalmarsela.
-Se hai finito de fa’ er gorilla me metti la crema sulla schiena?
Mezz’ora dopo scendiamo in piscina, Doriana mia se mette su una sdraio, bella come una dea, e io me guardo un po’ attorno. Ce stanno ancora le due pischelle che giocavano a bordo piscina. Mo’ non giocano più. Stanno a chiacchiera’ con Umberto Smaila (ammazza com’è invecchiato!) e con un altro tipo. Lo guardo meglio. Nun ce credo. Io quello l’avevo votato!
E insomma, mica so’ uno de quei burini che se vedono un VIP se mette a strillà o a fa’ er matto. Però visto da vicino (se fa per dire) pareva proprio una cosa diversa. Li occhi piccoli infossati in quella faccia che è proprio quella de un vecchio. I capelli tutti attaccati alla capoccia, me pareva di guarda’ mi’ nonno quando stava ancora in vita, poaraccio. Lui intanto non sembra tranquillo. Gli altri attorno, Smaila, le due bone de prima, più un botto de gente con la faccia tutta liftata, ridono, scherzano, ma lui sta lì, con l’acqua della piscina che gli arriva al petto magro da vecchio. Abbozza un sorriso.
Poi vedo ‘na cosa strana. Ce sta’ er pelato de prima. Però non è più vestito da fricchettone tedesco. Mo’ è vestito da cameriere. Sto’ cafone evita tutti quelli che lo chiamano dal tragitto dal bar dell’albergo fino alla piscina. Ce sta’ na signora che lo chiama più volte ma quello nun se la fila proprio. Va dritto verso Umberto Smaila, co’ quel suo grugno antipatico. Esco dall’acqua con calma, Doriana me fa un sorriso mentre ascolta la musica con le cuffie, e mi avvio dietro una palma. Er pelato s’avvicina tutto borioso, con una mano nel tovagliolo tutto girato intorno al braccio, aò ma che all’alberghiero nun je l’hanno insegnato come se mette ‘a divisa da cameriere? E siccome ‘sto ancora incarognito co’ sto burino e c’ho voja de fa’ ‘no scherzo, je faccio lo sgambetto da dietro la palma.
Er pelato se inciampa, era tutto lanciato, e nun s’aspettava ‘o scherzo. Fa du’, tre passi e casca proprio addosso a Umberto Smaila. Le due bonazze se mettono a strilla’, ma che sarà mai, è uno scherzo! Subito du’ ragazzoni che dovevano essere le guardie de Smaila o der presidente acchiappano er pelato e lo corcano de botte, poi lo portano via. Umberto Smaila e er presidente se guardano, me guardano, poi me indicano. Per un momento ho paura che sto a finì in un guaio, poi er presidente me fa un cenno per farme avvicinà.
-Buongiorno, preside’.
-Buongiorno a lei.- me stringe la mano. Aò ma vedi che è ‘na brava persona, no? Se vede da sti modi cortesi anche con gli sconosciuti. -Sembra che mi abbia salvato la vita! Come si chiama?
-Preside’, mi dia del tu, io so’ Pietro Caciotto, detto er Leopardo. E si figuri, era solo uno de ‘sti rumeni che devono a imparare de tenere bassa la cresta, no?
Er presidente me guarda.
-Ma allora lei…tu sai?
-E come no! Sti deficienti s’erano messi a fa’ i prepotenti in camera mia e della mia ragazza. La vede? Quella là, sulla sdraio? DORIANAAA! Niente, c’ha le cuffie. Gliela presento dopo.
Il presidente se guarda intorno mentre s’infila la camicia.
-Dici che è tutto sicuro?
-A presidè, stiamo in Sardegna in vacanza, se rilassi!
Lui me guarda fisso. Dietro li occhi piccoli e scuri se può quasi sentire il rumore de ingranaggi che girano. Me sorride, finalmente, e poi, con una pacca sulla spalla, me invita al bar.
Arriviamo al bar e lui se ne va un attimo ar cesso. Poi nun so perché, ma m’è venuto di nuovo come un presentimento. Ho sentito il rumore de vetri rotti e ho pensato “Er presidente è caduto” e so’ andato a controlla’.
Mortacci sua. Er fricchettone rumeno coi capelli a spazzola stava addosso al presidente. Je aveva pijato er collo co’ quelle sue manone zozze e lo teneva fermo mentre je diceva
-Spectre manda suoi saluti!
Nun c’ho visto più. Ennesimo agguato der Leopardo! Mentre che quello nun me vedeva ho pijato er porta sapone de ceramica, de quelli che piacciono a Doriana, belli pesanti, e je l’ho tirato forte en testa. Che mo’ nun è che siccome uno ce l’ha cor Milan je pò menà a chi je pare, mica stamo in curva. E che cazzo.
Ho pijato er presidente che era tutto rosso in faccia e respirava male. L’ho portato fori, al baretto, e lui ha chiesto dell’acqua.
-Le pillole…
-Che?
Er presidente se indica un taschino. Nun sapevo soffrisse de core, ho pijato ‘na manciata, je l’ho cacciata in bocca, e lui pareva stesse subito mejo.
-Ci fossero più bravi italiani come te, Pietro…sapessi quanta gente mi vuole male…
Dopo un minuto sembrava un’artro. Bello simpatico, offriva da beve a tutti, cantava…
Doriana s’è avvicinata, incredula. Er presidente l’ha abbracciata e lei s’è tirata indietro un po’ imbarazzata, tutta rossa.
-Ma presidente, cosa fa? Lei è ancora un ragazzino…
Poi ho notato una cosa che non sapevo bene come pijare. Perché er presidente, abbracciando Doriana, aveva un rigonfiamento, diciamo, un…come di’…stava arrapato! E si vedeva. E insomma, che dovevo fa’? Menargli al presidente perché ce stava a prova’ co’ a donna mia davanti a tutti? Er Leopardo ce tiene alla donna sua ma che potevo fa’? Er presidente rideva, prometteva lavori in televisione a Doriana, un posto a Milano Due per me, tutto gonfio de risate e de allegria. Poi ha sgranato li occhi, ha preso dal taschino le sue pillole, che se vede ne aveva ancora bisogno, e m’ha chiesto, con un filo de voce che pareva avesse visto la morte in faccia:
-Ma che pastiglie m’hai dato?
-Presidè, quelle blu. Quelle nel taschino.
-Disgraziato! L’altro taschino! L’altro…
E poi non ha più detto niente. V’o giuro.
Nun c’entrano niente le due bone bionde a bordo piscina. Nun è ‘na storia de sesso e droga.
E che non lo sapete?
È colpa dei romeni!

FINE

Bologna, 31.08.2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...